Il movimento animalista e “la prova del cuoco”

di Leonardo Caffo

Sembra inevitabile non pensare che il movimento animalista, almeno nelle sue connotazioni generali, non sia un movimento “incazzato”

Ed infatti, è così.

È facile osservare, nelle discussioni, nelle lotte, nelle campagne, che hanno ad oggetto il nostro rapporto con il non-umano, come la discussione degeneri facilmente in una contrapposizione tra “veg” e “non-veg”.

In parte, questa contrapposizione, deriva  proprie dalle filosofie antispeciste dei primi anni ’70. Se la scelta vegetariana, come sostiene Peter Singer, è il modo migliore di dar conto ad una liberazione animale allora è lecito aspettarsi che gli animalisti, in buona fede, colpevolizzino chi mangia carne.

Annunci
Comments
One Response to “Il movimento animalista e “la prova del cuoco””
  1. ritaciatti ha detto:

    Bell’articolo.
    Lucido, sintetico, mirato. 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: