Le bestie che dunque siamo

di Marco Maurizi L’uomo ha sempre sentito il bisogno di dare un nome a ciò che gli appare ignoto in modo da renderselo più presente e, dunque, meno oscuro e minaccioso. Ma esistono nomi che assolvono il compito esattamente opposto: di una vicinanza e di una continuità fanno un’abissale lontananza e un’invalicabile barriera. Se, come … Continua a leggere

Muri – I sogni fuori e dentro il carcere

 di Nujud Qitta     Venticinque metri di vernice nera sul muro bianco incerto dell’enorme complesso penitenziario Rebibbia a Roma aprono una ferita tra un esterno pieno di contraddizioni e un interno misterioso e insondabile. “E’ inutile che vivi fuori se sei morto dentro” è la scritta cubitale che si conclude con la A cerchiata … Continua a leggere

Antispecismo e aborto. Una replica

di feminoska L’articolo “Senzienza, antispecismo e aborto” pubblicato da Marco Lorenzi su Asinus Novus, ha da subito attirato la mia attenzione: il titolo ha decisamente un certo ‘peso’, quantomeno per chi tenti di definire la propria traiettoria esistenziale e politica in una chiave sia femminista che antispecista. Il fatto che l’autore sia di sesso maschile … Continua a leggere

Senzienza, antispecismo e aborto

di Marco Lorenzi   Il dibattito etico sui diritti degli animali e sull’aborto condividono una strana sorte, quella di essere da sempre funestati dallo stesso problema e di aver bisogno dello stesso approccio razionale per giungere ad una soluzione condivisa. Il problema che accomuna i dibattiti è la palese inadeguatezza delle argomentazioni addotte dalle parti … Continua a leggere

L’infelicità dei visoni

di Barbara Balsamo, Serena Contardi e Giovanna Devetag Qualche anno fa usciva un articolo di Le Scienze intitolato La felicità dei visoni, in cui si riferiva di come un gruppo di scienziati della Oxford University avesse scoperto che i visoni – anche quelli tenuti in cattività da settanta generazioni – avvertono il desiderio di nuotare … Continua a leggere

Un commento a “Prima i non-umani”

di Syl Kocieda C’è un gruppo di attivisti per i diritti animali che sta cercando di confondere le cose, compiendo tre passi indietro e trascinando veganismo e diritti animali a un minimo storico. Hanno recentemente stilato un manifesto dal titolo “Prima i non-umani”. La loro missione? I vegani devono mettere gli animali al primo posto: … Continua a leggere

Morire in carcere

di Nujud Qitta   Mi chiamavo Vasil, sono nato in Bulgaria, sono morto in Italia, chiuso tra quattro mura, ho legato una corda fatta con le lenzuola alla doccia e mi sono lasciato andare, ero in carcere e ne sarei uscito in meno di un anno. Tanti finiscono la propria vita in quel luogo di … Continua a leggere

Liberazionismo senza liberazione?

di Antonio Volpe Il doppio legame fra vita e potere  Ne La volontà di sapere, com’è noto, Foucault delinea una concezione inedita del potere fissando non solo un metodo e un campo d’indagine completamente divergenti da quelli proposti fino ad allora da una lunga tradizione filosofica, ma pure una  nuova “ontologia”, una nuova concezione della realtà … Continua a leggere

Umano troppo umano: quando l’antispecista perde le proprie radici

di Friedrich Ziege Sono trascorsi circa due anni da quando, compresa la legittimità del diritto di ogni essere vivente a vivere una vita dignitosa, intrapresi la strada della lotta per la liberazione animale divenendo effettivamente un ARA. In questo (breve) periodo ho percorso quella che reputo una profonda crescita personale dovuta anche alle diverse realtà … Continua a leggere

Sul tetto per i diritti. Per non dimenticare i giorni delle grandi rivolte carcerarie

di Nujud Qitta Sul tetto della fabbrica gli operai chiedono il loro salario, sul tetto dell’allevamento gli attivisti chiedono la liberazione animale, sul tetto del carcere i detenuti chiedono il rispetto dei propri diritti. Fenomeni diversi di quella disobbedienza civile che per funzionare deve essere sostenuta da una base possibilmente grande e forte. Questi episodi … Continua a leggere